unisa ITA  unisa ENG


Raffaele Viviani - Il teatro

Raffaele Viviani

a cura di Nunzia Acanfora


E ce ne stanno fatiche...

R. Viviani

L'ultimo scugnizzo

L'ultimo scugnizzo è una commedia in tre atti rappresentata da Viviani per la prima volta il 16 dicembre 1932 al teatro Piccinni di Bari (Viviani interpretava il ruolo di 'Ntonio e Luisella Viviani quello di 'Nnarella). Il lavoro fu rappresentato l'anno seguente prima a Napoli al Teatro Fiorentini e, poi, a Milano.
In questa commedia dominano due temi che ricorrono spesso nel teatro di Raffaele Viviani: la miseria e l'emarginazione.
La scena del primo atto della commedia è ambientata in un interno: lo studio dell'avvocato Razzulli. Il secondo atto si svolge all'esterno, nei pressi di un basso, nel vico Lepri ai Ventaglieri. L'ultimo atto è di nuovo in un interno: lo studietto di 'Ntonio, in casa Razzulli.
Tra i ventitré personaggi che vi compaiono emerge il personaggio principale: 'Ntonio Esposito, l'ultimo scugnizzo.
'Ntonio vuole cambiare vita, desidera abbandonare il suo passato precario, è deciso a superarlo, ma non a rifiutarlo; tenta di procacciarsi un lavoro onesto per vivere dignitosamente e per offrire al figlio, che sta per nascere, una famiglia ed un'esistenza felice. Ma l'annuncio della morte del nascituro recide il filo della speranza e della rinascita di 'Ntonio. Nonostante i suoi sforzi di inserirsi nel mondo del lavoro, 'Ntonio comprende di essere diverso dagli altri, e ricade nel suo ruolo di emarginato senza alcuna speranza di cambiamento. Ecco che i concetti di scugnizzo, di emarginato e di povero si identificano.
L'ultimo scugnizzo è uno dei testi più famosi del teatro di Viviani che tocca la maggiore intensità nella Rumba, in quel suo icastico e surreale ritmo giullaresco che riesce a creare suggestioni davvero singolari.
Nel 1938 fu realizzata anche una riduzione cinematografica della commedia, con la sceneggiatura di Gherardo Gherardi e la regia di Gennaro Righelli. Il personaggio di 'Ntonio fu interpretato da Viviani.

 

La rumba degli scugnizzi

TRATTO DA: Poesie, di Raffaele Viviani, Introduzione di Vittorio Viviani, Napoli, Guida editori, 1981, pp. 43-45.

 

Chesta è a Rumba d''e scugnizze
ca s'abballa a tutte pizze.
Truove 'e dame 'mpizze 'mpizze
ca te fanno duie carizze.
Si te fa passa' 'e verrizze,
strette 'e mane, vase e frizze,
pruove gusto e te ce avvizze,
cchiù te sfriene e cchiù t'appizze.
Comme a tante pire nizze
te ne scinne a sghizze a sghizze
fino a quanno nun scapizze,
Chesta è 'a Rumba d''e scugnizze.

'O rilorgio, mo capisco
pecché 'o cerco e nun 'o trovo,
steva appiso, è gghiuto o ffrisco:
c'è rimasto sulo 'o chiuovo.

'O chiuovo io tengo...
Cic cic cic cì...
Belle 'e 'ammere!
Cic cic cic cì...
Scarola riccia p' 'a 'nzalata.
Cicche cicche cicche cì...
Fenocchie!
Cic cic cic cì...
'O spassatiempo!
Cic cic cic cì...
Capillo'!
Cic cic cic cì...
Mo t''e ccoglio e mo t''e vvengo!
Cic cic cic cì...
Gue', l'aglio!

Chesta è 'a Rumba d''e scugnizze.
              Assettateve assettateve!
ca s'abballa a tutte pizze.
              'O quadrillo e 'a figurella!
Truove 'e dame 'mpizze 'mpizze
              'O mastrillo e 'a grattacasa!
ca te fanno duie carizze.
              Quanto è bell''o battilocchio!
Pruove gusto e te ce avvizze,
              Pe chi tene 'a moglie pazza!
cchiù te sfriene e cchiù t'appizze.
              Quatto sorde 'o finucchietto!
Comme a tante pire nizze
te ne scinne a sghizze a sghizze
fino a quanno nun scapizze,
Chesta è 'a Rumba d''e scugnizze.

Puparuole e aulive.
              Magnateve 'o cocco! Magnateve 'o cocco!
Rroba vecchia!
              Pallune p''allesse! Pallune p''allesse!
'E mellune chine 'e fuoco!
              Na bona marenna! Na bona marenna!
Cotogne!
              Gelati! Gelati! Gelati! Gelati!
Concia tielle...
              'A pizza cu 'alice! 'A pizza cu 'alice!
Furno 'e campagna!
              'E lazze p''e scarpe! 'E lazze p''e scarpe!
D''o ciardino tutte secche!
              'A capa d''o purpo! 'A capa d''o purpo!
'O Roma!

Chella bella mamma d''o Carmene v''o ppava!
Nun m''o ppozzo fatica'!
E' bellella 'a paparella!
              Accatteteve 'e piatte!
Sei tuvaglie cinche lire!
              N'ata pianta p''o salotto!
Nocelline americane!
              Tengo 'o ggrano p''a pastiera!
Pacchiane', chi s''o penzava?
              tiene chisto campo 'e fave!
Cicchignacco 'int''a butteglia!
              'O zi' monaco 'mbriacone!
'O veleno p''e scarrafune!
              'A dummeneca addo' t''a faie?
Comme a tante pire nizze
te ne scinne a sghizze a sghizze
fino a quanno nun scapizze.

Chesta è 'a Rumba d''e scugnizze.