unisa ITA  unisa ENG


Raffaele Viviani - Il cinema

Raffaele Viviani

a cura di Nunzia Acanfora


E ce ne stanno fatiche...

R. Viviani

Film sonoro

TRATTO DA: Poesie, di Raffaele Viviani, Introduzione di Vittorio Viviani, Napoli, Guida editori, 1981, pp. 150-151.

 

Stasera, o' Supercinema
se fa 'o film sonoro.
Dice ca 'a gente parlano,
cantano, fanno 'o coro.

N'hanno mannato 'a musica
pecché dall'obiettivo,
'o quadro ch'esce s'anema,
comme si fosse vivo.

Remmure d'automobile,
d'acque, passagge 'e treno,
strumente, tuone, applause,
'o film, 'o svolge in pieno.

Man mano ca 'o pruiettono
fa 'o dramma e s'accumpagna.
Na meraviglia 'e tecnica,
però nisciuno magna.

E gli orchestrali abboffano
che al posto delle orchestre
ce stanno 'e piante esotiche:
bambù, palme e ginestre.

Così, tra breve, 'a maschera
vene pure abulita,
pecché sarr''a pellicula
che doppo dirà: - Uscita.

Ogne tanto s'illumina
e piglia posto 'a gente:
ma 'a 'st'ata forma 'e cinema
nun c'esce proprio niente.

Denare ca s'accentrano
tutte 'int'a poche mane,
e chille ca s''e sparteno
nun songo italiane.

Sorde pirciò ca emigrano
e nn''e vedimmo cchiù!
spediti dall'Italia
diretti a Ollivù.

E gli orchestrali restano,
pe' chesta scossa avuta,
senza parla': se guardano:
la vera scena muta!

"Ih, quanto è bello 'o cinema!"
cummentano fra loro.
"Stu mazziatone" dicono
"overo ca è sonoro".

Addio tariffe a orario:
quaranta lire 'a cassa,
cinquanta lire 'o flauto,
trenta 'o sceta-vajassa.

Mo chesto 'o sincronizzano
e io musico soccombo.
E chi 'a scuprette 'America?
Cristoforo Colombo.