unisa ITA  unisa ENG


Manlio Santanelli - Il teatro

Manlio Santanelli

a cura di Barbara Barone

 

Beati i senza tetto perché vedranno il cielo.

M. Santanelli

Uscita d'Emergenza

Prima commedia di Santanelli, Uscita d'Emergenza racchiude in sé tutti i temi cari all'autore: la solitudine, l'incomunicabilità tra gli individui, la precarietà dell'esistenza umana…
È la storia di Cirillo e Pacebbene che, per motivi differenti, si sono ritrovati soli, senza casa ed hanno deciso di andare a vivere in un quartiere di Napoli completamente disabitato perché colpito dal terremoto. Queste due persone "instabili", metaforicamente parlando; malate di bradisismo al loro interno, continueranno a punzecchiarsi, a spiarsi, in un gioco morboso e massacrante.
Come ha scritto Giulio Baffi, Uscita d'Emergenza è stata in un certo qual modo profetica perché ha preannunciato il terremoto che di lì a poco scosse la Campania (1980) ed il tema della pedofilia oggi tristemente attuale. Santanelli, però, di fronte a queste affermazioni risponde "un testo si limita ad essere quello che è, sono gli altri che poi ci vedono ciò che vogliono. Il fatto che Pacebbene pensi alle bambine, per me voleva essere solo la confessione di una persona che ha problemi con le donne… non prevedevo che questo tema avrebbe in seguito rappresentato una devianza sociale".