unisa ITA  unisa ENG


Eduardo De Filippo - La vita

Eduardo De Filippo

a cura di Damiano Camarda

 

Ogni tentativo di dare alla vita un qualunque significato è Teatro.

E. De Filippo

 

La difficile vita familiare

Eduardo De Filippo nacque a Napoli il 24 Maggio 1900 in una piccola costruzione in Via Ascensione a Chiaia di cui non è rimasta traccia. Dalla relazione dell'attore ed autore napoletano Eduardo Scarpetta con Luisa De Filippo - nipote della legittima moglie Rosa De Filippo - nacquero Titina (1898), Eduardo, Peppino (1903) ed una quarta bambina che, però, morì subito dopo il parto.
L'infanzia di Eduardo non fu mai intaccata da problemi di ordine economico, vista la liberalità con cui Scarpetta provvedeva al mantenimento dei "nipoti", i quali, a loro volta, erano soliti chiamarlo "zio".
L'appartamento dei De Filippo, ben arredato e pulito, era situato di fronte al sontuoso palazzo di Scarpetta, dal quale ogni giorno un inserviente usciva con una grossa "stufa" di latta contenente il pranzo per Luisa ed i figli: un menù imposto, consumato senza eccessivo entusiasmo. D'estate, il padre stabiliva che i bambini si trasferissero in un confortevole appartamento al Vomero, di fronte alla stazione della funicolare di Chiaia, a duecento metri dalla lussuosa "Villa Santarella" di Scarpetta.
La presenza comunque costante della figura paterna creava reazioni contrastanti tra i fratelli. Eduardo visse questo rapporto in maniera meno conflittuale rispetto a Peppino, che invece ebbe modo di esternare - nelle pagine di Una famiglia difficile - il suo rancore nei confronti di un padre da lui ritenuto superficiale e distante. Sembra poco plausibile l'ipotesi, avanzata da alcuni critici, che nella poesia di Eduardo Tre piccerille vi fosse adombrata un'accusa nei confronti di Scarpetta. La relazione di quest'ultimo con Luisa, mai nascosta e sostanzialmente accettata persino dalla moglie Rosa, si protrasse per circa trentacinque anni, fino alla morte di lui, avvenuta nel 1925. Alla compagna toccò un vitalizio, mentre non risulta che alcuna eredità sia stata destinata ai tre figli.